Concorso Scuole di Specializzazione di Area Medica A.A. 2019\2020 – CNSU maggio 2020

Vista la grave carenza di medici specialisti in Italia e l’ampio differenziale fra medici laureati e posti banditi nelle Scuole di Specializzazione ed il progressivo aumento degli aspiranti specializzandi alla luce delle nuove modalità di abilitazione in vigore su tutto il territorio nazionale; il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari ha approvato una mozione che chiede:

  • una riforma strutturale relativamente all’organizzazione del concorso, che punti ad azzerare l’imbuto formativo, con un rapporto fra borse bandite e candidati di 1:1, nel minor tempo possibile;
  • di provvedere quanto prima alla comunicazione ufficiale in merito alla data di svolgimento della prova concorsuale in oggetto, per l’anno accademico 2019/2020, al fine di consentire adeguata preparazione per tutti i medici interessati;
  • di garantire il controllo, nonché l’omogeneità delle condizioni ambientali di svolgimento della prova concorsuale, tramite allestimento di grandi ambienti che assicurino la presenza di una distanza adeguata tra le postazioni;
  • che il Ministero dell’Università e della Ricerca fornisca un’adeguata bibliografia ed un syllabus dettagliato riguardanti gli argomenti del concorso, al fine di ridurre al minimo la componente di casualità;
  • di pubblicare i risultati ufficiali delle precedenti edizioni, in termini di punteggio differenziati per sede e scuola di specializzazione, nonché il numero di contratti abbandonati previa immatricolazione o nel corso della durata delle scuole di specializzazione;
  • l’istituzione di un tavolo di lavoro con i dirigenti e tecnici del MUR, al fine di riformare le modalità concorsuali SSM e di valutare:
  • di prevedere una modalità di scorrimento della graduatoria e di scaglioni straordinari che ottimizzi la fase di scelta e scongiuri ogni possibile dispersione dei contratti;
  • di implementare il sistema operativo telematico a supporto della prova concorsuale per rendere le operazioni di assegnazione e scorrimento più rapidi.

Manteniamo vivo l’auspicio per un migliore ingresso alle Scuole di Specializzazione di Area Medica e verso il superamento dell’imbuto formativo.

Carlo Giovani

Rappresentante in CNSU e CUN
[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *