Assistenza Sanitaria fuorisede – CNSU novembre 2019

Un annoso problema per gli studenti fuorisede riguarda il medico di base: non è infatti possibile usufruire di un servizio medico di base nella città in cui si ha il domicilio senza lasciare il medico di famiglia che si ha a casa. Questo è un forte impedimento per gli studenti e per questa ragione abbiamo portato una mozione in merito nella seduta del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari.

Chiediamo infatti che gli studenti fuorisede abbiano accesso equo e gratuito all’assistenza sanitaria di base nella sede in cui sono domiciliati durante il proprio percorso di studi e che si snellisca e uniformi l’attuale procedura per la quale è possibile richiedere un nuovo medico di base solo per un tempo limitato, rinunciando a quello assegnato nella propria città di residenza.

Inoltre si è ritenuto opportuno inserire il tema del supporto psicologico nelle università, affinché si agevoli l’accesso gratuito a tutti gli studenti a servizi che garantiscano loro un completo benessere psicofisico anche attraverso il potenziamento delle attività di consultori e sportelli psicologici, nelle Università, tramite convenzioni con ASST.

Auspichiamo infine che quanto prima venga stipulato un accordo quadro tra il MIUR ed il Ministero della Salute che abbia ad oggetto i punti sopracitati.

 

Carlo Giovani

Rappresentante in CNSU e CUN
carlo.giovani@unilabsvoltastudenti.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *